vzgajanje pora

L’ABC dell’orto: porro

Posted on Posted in l'ABC dell'orto

Allium porrum

Coltivazione

Dalle piantine o direttamente su un luogo permanente. I virgulti vanno coltivati in un ambiente freddo e protetto, solo se germoglia necessita temperature più alte. Al trapianto possiamo accorciare l’apparato radicale, il che lo rende più forte, la terra invece va pacciamata con pacciame organico. Riesce già se le temperature superano i 7°C, le temperature ottimali per la crescita sono intorno a 20°C.

Distanze

Tra le file almeno 40 cm, tra le piante in fila almeno 10 cm, preferibilmente 20.

Posizione

Mezzombra.

Quantità

Circa 10 piante a persona.

Data della semina

Gennaio (virgulti)-giugno (specie che svernano). Germoglia due settimane.

Concimazione

Con composta di casa, con concime solo se in quel luogo sarà prima piantata un’altra pianta. Nel periodo della crescita intensa delle foglie concimiamo ulteriormente (composta, cenere, intruglio di ortiche/consolida).

Annaffiamento

Ha bisogno di molta acqua. Annaffiamo 20 cm in profondità due volte alla settimana. Anche sulle foglie, ma di mattina.

Vicini buoni

carota, indivia, cetrioli, consolida maggiore, pomodoro, prezzemolo, lattuga, cavolo, sedano

Vicini cattivi

cipolla, fagioli, piselli, fave, ceci, soia

Malattie e animali nocivi

Mosca del porro, tisanotteri. Nelle vicinanze del porro mettiamo piastre gialle appiccicose e quando le prime mosche si attaccano, copriamo bene il porro (con archi sopra le piante) fino ad ottobre.

Raccolta

Molte specie possono svernare sorte all’aperto. La cosa migliore è stoccarlo in giardino, ricoperto di terra, in frigo invece resiste per alcune settimane. Lo conserviamo con le radici. Possiamo anche essiccarlo o congelarlo.

Alimentazione

Utilizziamo lo stelo bianca e la parte delle foglie verdi. Contiene addirittura più vitamine e minerali della cipolla, ma meno elementi antibiotici.

Importante

Necessita di terra leggera, perciò il trapianti gli fa bene. Le specie basse, tarchiate di porro svernano bene. Perché la parte dello stelo grossa sia più alta, lo copriamo fino alle prime foglie.

Particolarità

È l’unica pianta a bulbo che non irrita lo stomaco. Possiamo consumarlo durante tutto l’anno.