naravna pomoč

Aiuto naturale

Posted on Posted in Generale

Così come non dobbiamo esagerare con i preparati chimici non dobbiamo esagerare nemmeno con i preparati alla erbe, poiché possono essere molto forti e possono fare danni. Li utilizziamo quando le piante ne hanno veramente bisogno (non per evitare sorprese e senza pensarci su), inoltre vanno prima testati su una pianta. Utilizziamo i preparati per rafforzare le piante prima che la malattia si sviluppi, quando le piante sono in maggiore pericolo (tempo freddo e pioggia), alcuni hanno successo anche dopo l’arrivo della malattia. Li utilizziamo regolarmente, anche ogni tre giorni, e dopo ogni volta che la pioggia è più forte.

Preparati alle erbe

Utilizziamo diversi tipi di preparati. Per tutti è importante utilizzare acqua piovana o acqua che ha riposato per un po’. Il contenitore deve essere di plastica o vetro, non di metallo, perché non si verifichino reazioni indesiderate.

  • Intruglio di erbe: parti fresche delle piante vanno messe a mollo in acqua per lungo tempo, filtriamo e seguendo la ricetta diluiamo ancora l’intruglio. Di solito si utilizza 1 kg di piante fresche in 10 l d’acqua.
  • Tè alle erbe: versiamo acqua bollente sulle parti delle piante, lasciamo per qualche momento, raffreddiamo il tè e filtriamo.
  • Tisana alle erbe: mettiamo le parti delle piante in acqua, chiudiamo il contenitore e lo mettiamo in un posto caldo, mescoliamo più volte e quando il liquido smette di fare schiuma, lo filtriamo e utilizziamo.
  • Concentrato alle erbe: sbricioliamo le parti delle piante, versiamo sopra acqua fredda o calda (secondo la ricetta), quanta ne basta perché galleggino in superficie, mescoliamo dai 10 ai 20 minuti, dopodiché spremiamo, strizziamo e utilizziamo. La maggior parte dei concentrati viene poi diluita. Al buio e al freddo possiamo conservarli per alcune settimane.

Piante utili

ORTICHE: L’intruglio di ortiche rafforza le piante e scaccia i pidocchi e gli acari. Spruzziamo più volte sulle parti attaccate. Se lo utilizziamo come concime, lo diluiamo in rapporto 1:10, come prodotto irrorato invece va diluito in rapporto 1:20.

CODA DI CAVALLO: Utilizziamo l’intruglio come prevenzione contro le malattie fungine e gli acari. Contro le erisifaceae spruzziamo una volta alla settimana il mattino quando il tempo è chiaro, le piante malate invece tre volte in tre giorni. Prepariamo l’intruglio mettendo le piante a mollo per 24 ore, dopodiché cuciniamo la maggior parte del preparato per mezz’ora (non deve bollire) e successivamente aggiungiamo il resto dell’acqua. Diluiamo in rapporto 1:5.

FELCE: Come pacciame protegge dalle lumache, contiene potassio, di primavera spruzziamo l’intruglio diluito contro i pidocchi, d’estate invece contro le ruggini (non diluito) e d’inverno contro la cocciniglia (non diluito).

TANACETO: Come pacciame protegge dalle lumache, come tisana, intruglio (300 g per 10 l d’acqua) o tè contro tutti i tipi di insetti. Nuoce anche ai bambini e agli animali domestici, perciò bisogna stare attenti! D0inverno e per l’utilizzo sul terreno non va diluito, d’estate per spruzzarlo sulle piante va invece diluito in rapporto 1:3.

ASSENZIO: Come pacciame protegge dalle lumache, come tisana non diluita agli inizi di primavera dagli acari, dai pidocchi e dalla ruggine, come tè diluito (1:3) d’estate agisce sui bruchi, i pidocchi e le formiche. Non lo mettiamo sulla composta.

POMODORO: Mettiamo a mollo per 3 ore due pugni di foglie schiacciate in 2 l d’acqua e ogni due giorni utilizziamo contro i bruchi, le farfalle e i altiche.

CIPOLLA (e i suoi parenti): Utilizziamo la tisana (500 g di foglie secche di cipolla in 10 l d’acqua), diluita in rapporto 1:10 contro le muffe e le malattie batteriche. Possiamo utilizzare anche tè non diluito (75 g per 10 l d’acqua).

ERBA CIPOLLINA: Il tè all’erba cipollina scaccia le muffe dai cetrioli, dalle melanzane, dai peperoni e dal pomodoro.

VALERIANA: Il tè fatto da fiori secchi è utile al terreno, alla composta, rafforza le piante quando fa freddo e agisce sulle malattie fungine. Annaffiare con questo tè stimola la germogliazione delle piante.

RABARBARO: Le foglie sono utili come pacciame e per la composta, il tè (1 kg di foglie per 5 l d’acqua, deve bollire per 10 minuti) invece funziona come insetticida, contro i bruchi e i pidocchi.

SAMBUCO: Come pacciame protegge dalle lumache, la tisana invece va versata nei buchi delle arvicole e dei tassi. Possiamo utilizzarlo anche come fungicida.

CAMOMILLA: In un tè alla camomilla caldo (30 °C) mettiamo a mollo per 20 minuti i semi delle brassicaceae e delle leguminose per la disinfezione. L’intruglio di camomille diluito (mettiamo a mollo 1 pugno di fiori in 1 l d’acqua per 24 ore) in rapporto 1:5 ha un effetto rafforzante e blocca gli attacchi delle muffe.

CALENDOLA: La tisana (1 kg di piante per 10 l d’acqua) rafforza le piante, annaffiamo con tisana diluita in rapporto 1 :10.

NASTURZI: Come concimazione verde disinfetta la terra. Come vicino buono scaccia le farfalle dalle crucifere e la dorifora della patata dalle patate. I loro preparati agiscono contro i pidocchi delle foglie, il altica, i bruchi e il dorifora della patata.

DENTE DI LEONE: Utilizziamo la tisana (2 kg di piante fresche per 10 l d’acqua) o il tè (200 g di piante secche per 10 l d’acqua) per rafforzare le piante.

CAROTE: Come vicino buono o come tè (50 g per 1 l d’acqua) scaccia la mosca della cipolla. Annaffiamo regolarmente con tè non diluito.

ACHILLEA: Utilizziamo l’intruglio contro le malattie fungine. In un litro di acqua calda mettiamo a mollo 20 g di fiori secchi per un giorno e utilizziamo il preparato diluito in rapporto 1:10.

SALVIA: Utilizziamo il tè contro i funghi del terreno, ma solo quando necessario, poiché distrugge anche i funghi utili.

Altri preparati utili

LATTE: Diluiamo il latte intero non pastorizzato in acqua in rapporto 1:1 e spruzziamo una volta alla settimana contro i ficomiceti e i pidocchi.

ACETO DI MELA: Lo utilizziamo come prodotto irrorato contro diverse ascochitosi fogliari (1 cucchiaio per 3 l d’acqua).

BICARBONATO DI SODIO: Utilizziamo il preparato come prodotto irrorato contro ascochitosi, ficomiceti e l’erisifacea. Mischiamo 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio con 2 cucchiai di olio vegetale, aggiungiamo 3,8 l d’acqua e poche gocce di detergente per le stoviglie.

ALGHE DI MARE: Possiamo acquistare i preparati in negozio e hanno una funzione rinforzante sulle piante in situazioni di stress.

FUNGHI: Possiamo acquistare preparati che contengono funghi utili. Questi possono proteggere contro l’erisifacea e la moria delle piantine, distruggono le larve di elateridi ecc., ma non nuocendo al nostro giardino. Per raggiungere lo scopo desiderato devono essere utilizzate correttamente (leggere bene le istruzioni e rispettarle).

NEMATODI: Anche il loro preparato può essere acquistato in negozio, aiuta nella lotta contro il grillotalpido, la larva di elateridi e alcuni altri animali nocivi. Anche il loro utilizzo richiede il rispetto delle istruzioni, inoltre vanno utilizzati moderatamente.